Barilla curva verso il Biologico

Pasta bio, un mercato da 150 milioni di euro

Le cifre sono davvero attraenti, la pasta biologica cresce del 13% tra il 2015 e il 2016 e vale 150 milioni di euro.

In generale, il mercato del biologico vale oltre 3 miliardi di euro nella nostra penisola, supera abbondantemente i 4 miliardi se calcoliamo anche l’esportazione. I dati sono diffusi da Federbio, l’organizzazione nazionale di rappresentanza del settore.

In base ad un’elaborazione AssoBio da dati Nielsen, la pasta secca è stata acquistata nel 2016 dal 41% degli acquirenti di prodotti biologici. La percentuale di famiglie che hanno scelto cibi biologici è del 74% (+1,2 milioni di famiglie rispetto al’anno precedente), probabilmente sono queste cifre che hanno spinto Barilla ad entrare nel mercato, accingendosi a presentare al CIBUS la sua pasta bio. Già presente in alcuni paesi europei e negli Stati Uniti, la nuova versione sarà lanciata in Italia ad aprile. Il prezzo consigliato per la pasta biologica Barilla – è 1,59 euro per una confezione da 500g. Il prodotto sarà disponibile negli ipermercati e nei supermercati.

Dalla semola all’integrale dal farro al kamut: sono le quattro tipologie di pasta biologica presenti sul mercato della nostra penisola. Secondo i dati elaborati da Nomisma e diffusi da Federbio, il mercato della pasta biologia ha garantito, solo nel 2016, 150 milioni di euro di fatturato. Ci sono Tra le varietà di pasta bio, è famosa la pasta di kamut. Tra i brand c’è Senatore Cappelli, interamente biologica. Oppure ci sono le paste dai grani antichi.

Related

JOIN THE DISCUSSION